007 e La Dolce Vita

Per chi non avesse visto la Dolce Vita di Fellini consiglio vivamente di smettere di leggermi (non questo articolo proprio tutto quello che scrivo anche la lista della spesa) e di filare a vedere uno dei pochi film belli da sempre e per sempre.

Detto questo, contrariamente a quanto recita il titolo La Dolce Vita non è un film che ti fa apparire bella la vita, anzi, ti fa capire che anche quando la vita è tutta party e divertimento in realtà è una merda e che sta a te decidere se continuare a vivere la tua vuota esistenza con il sorriso sulle labbra oppure provare a cercarci una sorta di senso che però questa vita un senso non ce l’haaaaa.

Spectre è esattamente così. Un bel film su un’esistenza di merda.

4330-Life-Sucks
Ogni mattina non importa che tu sia 007 o un bidello la cosa importante è svegliarsi e rendersi conto che la vita fa schifo. Si magari fa un po’ meno schifo su un Aston Martin.

Figo dire personaggio granitico tormentato, malinconico, melanconico, e altre cose che finiscono in nico, il succo è che anche 007 deve fare la spending review, non ficca neanche più, la vita non è bella come nei film precedenti (e neanche ne La vita è Bella è bella la vita, è una trappola), la vita è una merda per tutti.

Noi abbiamo le bollette da pagare lui porello è orfano e spara ai cattivi che gli uccidono le tizie che vorrebbe ficcarsi (poor Eva Green) e quelle da cui vorrebbe farsi adottare (Judy Dench schiattata in skyfall).

Sam Mendes ha iniettato una quantità di realtà in un franchise che fino ad ora di reale aveva avuto ben poco (dai, può un tizio lanciare un cappello e tagliare una testa?) senza però tralasciare una epicità tipica da blockbuster che strizza l’occhio a quelli che come me vanno al cinema per sentirsi i numeri uno per poi uscire dalla sala e fare i 180 in tangenziale su una punto immaginandosi inseguiti da millemila cattivi.

Quindi bravo Sam Mendes e bravo Daniel Craig che sono riusciti a coniugare luoghi comuni da 007 come il villain crudele che tortura cose con strumenti tecnologici e ha una cicatrice sull’occhio con elementi di vita quotidiana, tipo problemi sul lavoro e bestemmie che devi tirare ogni giorno perché mannaggiaatutti la vita è davvero una merda. Che tu sia 007 o uno spazzino.

Capitolo a parte per Monica Bellucci. Ok eri una strafiga. Ok sei invecchiata molto bene. Però basta dai, la prossima possiamo metterci una figa vera? Grazie. E magari con più di un espressione.

Voglio dire il 1999 era 16 anni fa okei?
Voglio dire il 1999 era 16 anni fa okei?

Bautista è pelato e grosso e fa cose brute. Perfetto per un film d’azione. Qualcuno ha detto fast n furious?

La scena che pone fine alla carriera da spia di 007 con il cattivo riverso per terra e, da una parte la vita spensierata (Tizia Y che si vuole ficcare che non sarà mai figa come Eva Green) e dall’altra il lavoro di tutta una vita (Voldemort con il naso aka Ralph Fiennes) è un omaggio così grosso alla dolce vita che non sono neanche sicuro sia voluto, comunque, qualsiasi sia il motivo di questa citazione, well done Sam (Mendes il regista).

Christoph Walz come avrete potuto immaginare è il fratellastro cattivo di 007 e vaitra cosa gli vuoi dire, riesce a fare tutto. E pensare che aveva iniziato come assassino nella versione tedesca del commissario Rex. Va a finire che anche Francesco Arca riuscirà a recitare. HAHAHAHAHAHAH. NO.

live from una puntata a caso di rex
live from una puntata a caso di rex

Voto: 0010

 

CONDIVIDI

Comments

comments

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *